La vita attesa di Gino Pitaro – Molti temi in un romanzo breve


La vita attesa è un romanzo di formazione, i protagonisti sono un gruppo di ragazzi che vivono in un paese incastonato sulla costa calabra, tra le piccole grandi avventure dell’adolescenza e la prospettiva di un viaggio verso una futura realizzazione nelle città del nord.
E così si passa dalle immagini pittoriche della natura, ai caratteri talora lussureggianti dei personaggi del luogo, sempre narrati con umorismo, agli amori e talora ai drammi che contrassegnano gli anni più belli e avventurosi, fino alla divisione che porterà ognuno altrove, su strade ben diverse, lo studio, il lavoro nella polizia, la proposta del guadagno facile che conduce alla malavita. I capitoli iniziali hanno gli accenti di poesia dell’età giovanile e dell’universo marino che li vede protagonisti, con le ambizioni e i sogni che sorgono spontanei in chi si proietta in una vita attesa, nella seconda parte sarà il duro confronto con la realtà, le strade diverse e ora conflittuali dei protagonisti si incrociano nella peggiore delle circostanze, mentre gli agenti di polizia sono intenti a rintracciare un carico di cocaina proveniente dalla penisola balcanica. Ora non è più il mare a riunirli, ma a dividerli. Eppure un barlume della loro comune amicizia sopravvive e sarà questo a concedere un’ultima possibilità di redenzione.
Il romanzo offre notevoli spunti di interesse, dall’ambiente naturale descritto in modo poetico, alla galleria dei personaggi che gravitano nei villaggi vacanze, alle vicende del mondo studentesco e del malaffare. Ben riuscita e spiritosa la prima metà del romanzo, mentre nella seconda parte contrassegnata dall’azione i temi sono addossati e la narrazione procede con cambi di voce narrante che rendono la lettura, soprattutto nelle pagine più intense del finale, non del tutto scorrevole.

Questa voce è stata pubblicata in Le mie recensioni, narrativa. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La vita attesa di Gino Pitaro – Molti temi in un romanzo breve

  1. domenico pizzulo ha detto:

    Interessante lo spunto dell’ambivalenza legata al mare; la speranza, il desiderio, ma anche la morte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...